“La psicosi da coronavirus si può fermare, recuperando l’auto-consapevolezza. Se i fattori oggettivi dovuti all’emergenza non si possono arginare, è necessario invece considerare i fondamenti scientifici che permettono di governarne almeno gli aspetti soggettivi”. Così Sandro Formica, professore presso la Florida International University di Miami, Unico speaker italiano dell’evento, Summit mondiale sulla Felicità in programma a Miami dal 13-15 marzo.

“Ricordiamo – aggiunge – che la paura è un’emozione spesso avulsa dalla realtà, da imparare a riconoscere e gestire e continuiamo, per quanto è possibile, a coltivare pratiche quotidiane di Felicità come se essa fosse un muscolo”. Così dichiara Sandro Formica, docente universitario affermato a livello internazionale ed esperto di Felicità a partire dalla conoscenza di Sé e dall’auto-consapevolezza, che ha creato un modello di training unico e validato scientificamente denominato Scienza del Sé basato sul concetto di Felicità come competenza che si può acquisire e allenare”.

“Dappertutto – prosegue Formica – si parla di aspetti oggettivi, tassi di pericolosità e mortalità del coronavirus, in questo frangente così delicato gli aspetti soggettivi sono altrettanto importanti. Smettiamola di essere semplici vittime e ritorniamo ad essere protagonisti della nostra vita – ha sottolineato Formica – Un altro tema fondamentale da considerare è che come è possibile attivare la chimica per risolvere i nostri problemi interni attraverso l’effetto placebo, così possiamo produrre la chimica per peggiorarla con il cosiddetto effetto nocebo e questo va assolutamente evitato, tanto più che lo stress che stiamo vivendo genera già quel dannoso cortisolo responsabile di abbassare le nostre difese immunitarie”.

L’effetto placebo indica una serie di reazioni dell’organismo che avvengono in seguito ad un fenomeno legato all’aspettativa, per cui se si crede che un’azione o una sostanza abbia un effetto sull’organismo, molto probabilmente si otterrà qualche risultato misurabile. Le statistiche parlano di una percentuale dell’effetto placebo fino al 35% il che significa che si è in grado di eliminare o migliorare il sintomo, come il mal di testa, l’asma, le disfunzioni intestinali, ecc. L’effetto nocebo, sconosciuto ai più, rappresenta il contrario: la convinzione che qualcosa possa danneggiare aumenta la probabilità che ciò si verifichi. Evidentemente se si riesce a produrre la chimica positiva e necessaria per combattere malattie e stati di disagio, si è ugualmente in grado di produrre la chimica negativa per generate malattie e situazioni di disagio o disfunzione fisica. Ad esempio, Mahr e il suo team[3], in una sperimentazione controllata randomizzata, hanno dimostrato che il 96% di coloro che hanno assunto una pillola inerte hanno riportato effetti collaterali della medicina che avevano creduto di aver assunto.

Ecco alcuni consigli per coltivare l’auto-consapevolezza: – Evitare l’aggiornamento continuo di notizie allarmanti; – Continuare con la routine giornaliera quanto possibile, nel rispetto delle ordinanze; – Essere consapevoli delle proprie paure, quando appaiono e recepirle esattamente per quello che sono: manifestazioni emotive che vanno e vengono dal proprio corpo; – Essere consapevoli del fatto che la propria mente e il proprio corpo hanno la capacità di produrre chimica a supporto della propria salute e benessere; – Smettere di creare meccanismi psico-cognitivi e comportamentali a supporto dell’effetto nocebo e coltivare pensieri, emozioni e comportamenti a supporto dell’effetto placebo.

Fonte: http://www.askanews.it/cronaca/2020/02/26/coronavirus-formica-contro-la-paura-usare-lauto-consapevolezza-pn_20200226_00169/